il 21 11 2018 a Milano presso la fondazione Catella Via Gaetano de Castillia in uno scenario che lascia impressionati per la bellezza del contesto in cui è inserito questo edificio si è tenuto appunto la United States of Podcast fortemente voluta da Audible.it, Spreaker e Storielibere.fm

Fin dall’inizio dopo la breve presentazione di Franco Bolelli il quale ha avuto la genialità di essere sintetico ed utilizzare un linguaggio che lascia prevedere una rivoluzione sociale, è stato il momento dei tre pannel della mattina che ho avuto il piacere di seguire dal vivo.

Il primo pannel ha visto in mostra tre operatori di rilievo legati ai tre player sponsor di questo evento: Marco Azzani Country Manager di Audible italia, Francesco baschi fondatore di spreaker e Rossana de Michele fondatrice di StorieLibere.

I tre hanno dato vita ad un’interessante dibattito sulle tematiche della nascita e dell’evoluzione dei podcast, senza fare un report giornalistico di cui non sono capace vi lascio alcuni spunti interessanti che credo vadano condivisi.

In italia stiamo entrando in una fase in cui si può parlare di Early Adopter per l’utilizzo di podcast, quindi ci sono tutti i presupposti per uscire allo scoperto

Negli altri mercati come quello USA si può parlare di un mercato già consolidato che traina scelte anche legate ad altri media.

Il settore selfhelp vale il 13% del mercato dei podcast italiani

Dove vengono utilizzati i podcast?

  • Casa
    • lavori di casa
    • Relax
  • Sport
  • Macchina
  • Viaggi
  • Bambini
    • In macchina
Leggi anche questi articoli  EP 07 – PODCAST - CONTENUTI DEL BLOG - LO PSICOLOGO AI TEMPI DI GOOGLE –

Chi sono gli utilizzatori dei podcast?

  • Uomo 25-40 anni
  • Donna 18-30 anni
    • Millenial
    • Mondo di riferimento emotivo

Il podcast si usa

  • per imparare delle cose mentre si fanno delle attività che fanno perdere tempo
  • Negli usa grand pubblico femminile 25-30 anni, benestante, palestra, mondo IOs

Il podcast più citato della giornata è stato serial che personalmente non conoscevo, ma probabilmente ero l’unico della sala–> https://serialpodcast.org/

 

Alcuni consigli per i creatori di podcast che ho segnato nei miei appunti:

  1. identificare un bisogno specifico dell’utente
  2. molta attenzione a colui che rea i contenuti
  3. bisogna utilizzare un linguaggio immaginifico, fare molte ripetizioni, offrire delle visioni agli ascoltatori.

Sul punto tre vorrei dire che bisogna fare un salto indietro all’oralità delle storie o ai libri che vanno letti ad alta voce. Quindi in sintesi si tratta di un ritorno indietro ad un media antico non si tratta di leggere un libro ma di narrare una storia

Il trend futuro è quello di andare dai podcast all’audio digitale, quindi alla fine la grande rivoluzione è il passaggio dell’on demand per ciò che audio.

Per quanto riguarda la ricerca dei contenuti al di là di quello che si può pensare anche contenuti brevi da 2 minuti sono molto ricercati grazie all’avvento degli assistenti vocali come Echo di Amazon, home pod di apple

Altra informazione che non conoscevo è che la rinascita dei podcast è dovuto all’app nativa di Io8 che ha permesso ad una gran fetta di pubblico di utilizzare in maniera semplice questa tecnologia, e stiamo parando del 17 settembre 2014, quindi solo 4 anni fa.

Leggi anche questi articoli  Realizzare un Podcast insieme ad un Cliente: Lo psicologo dei Bambini

 

Il secondo Pannel ha visto come protagonisti

  1. Pablo Trincia
  2. Matteo Caccia
  3. Jonathan Zenti

Hanno offerto diversi spunti di ascolto per podcast in lingua inglese ed offerto molti validi consigli per la produzione dei podcast.

Di questo intervento salvo sicuramente la seguente distinzione:

“In radio la narrazione deve essere ciclica mentre sui podcast è diretta” che per chi la capisce è un ottimo suggerimento dato dal buon Matteo Caccia

Interessante anche lo spunto su The Moth che nasce come ritrovo di racconti pubblici in cui vince chi riceve più applausi, ad oggi diventato un vero movimento digitale e non solo.

Si è anche parlato dei problemi delle musiche nei podcast legata alla questione di diritto di autore ma sinceramente la cosa non mi ha entusiasmato, ho capito però che chi fosse alla ricerca di un professionista potrebbe cercare questo nome :”Luca Micheli”

Il Terzo Pannel

E’ stato dedicato al giornalismo con la presenza della Stampa, la repubblica e Carlo Annese che dal mio punto di vista ha portato qualità all’intervento ponendo l’attenzione sulla qualità che attraverso i podcast è possibile fornire agli ascoltatori delle notizie.

Quindi visitiamo il sito http://www.pianop.it/ per avere qualche valida idea di successo per podcast di taglio giornalistico in italiano dove la parola d’ordine è approfondire…

Lo stato dell’unione è un classico caso di podcast su cui puntare http://www.pianop.it/2017/12/10/lo-stato-unione-podcast-europa-pianop/

 

Avrei voluto fermarmi di più ed assistere all’intervento del buon vecchio Gennaro Romagnoli ma gli impegni mi hanno portato lontano e quindi il mio reportage finisce qui

 

 

 

 

#unitedstatesofpodcast

Leggi anche questi articoli  EP 21 – HOSTING e DOMINIO – LO PSICOLOGO AI TEMPI DI GOOGLE – PODCAST

OSPITI

Pablo Trincia

Matteo Caccia

Jonathan Zenti

Carlo Annese

Laura Pertici

Francesca Sforza

Patrick Facciolo

Alessio Bertallot

Giulia Cuter

Giulia Perona

Ilenia Zodiaco

Gennaro Romagnoli

Luca Mazzucchelli

John Peter Sloan

MODERATORI

Paolo Armelli

Franco Bolelli

Stefano Chiarazzo

5 (100%) 2 votes